Documento Valutazione AGENTI BIOLOGICI

Valutazione del Rischio da esposizione ad AGENTI BIOLOGICI (D.Lgs. 81/08 Titolo X) – obbligatorio dal 19/09/1996

Per tutte le attività lavorative nelle quali vi è rischio di esposizione ad agenti biologici, è obbligatoria la valutazione di tale rischio, tenendo conto di tutte le informazioni disponibili relative alle caratteristiche dell’agente biologico e delle modalità lavorative, ed in particolare:

a)     della classificazione degli agenti biologici che presentano o possono presentare un pericolo per la salute umana quale risultante dall’allegato XLVI del D.Lgs. 81/08 o, in assenza, di quella effettuata dal datore di lavoro stesso sulla base delle conoscenze disponibili e seguendo i criteri dettati all’articolo 268, commi 1 e 2 del D.Lgs. 81/08

b)    dell’informazione sulle malattie che possono essere contratte;

c)     dei potenziali effetti allergici e tossici;

d)    della conoscenza di una patologia della quale è affetto un lavoratore, che è da porre in correlazione diretta all’attività lavorativa svolta;

e)     delle eventuali ulteriori situazioni rese note dall’autorità sanitaria competente che possono influire sul rischio;

f)      del sinergismo dei diversi gruppi di agenti biologici utilizzati.

Ai sensi del D.Lgs. 81/08 s’intende per:

a)     agente biologico: qualsiasi microrganismo anche se geneticamente modificato, coltura cellulare ed endoparassita umano che potrebbe provocare infezioni, allergie o intossicazioni;

b)    microrganismo: qualsiasi entità microbiologica, cellulare o meno, in grado di riprodursi o trasferire materiale genetico;

c)     coltura cellulare: il risultato della crescita in vitro di cellule derivate da organismi pluricellulari.

Inoltre gli agenti biologici, ai sensi del D.Lgs. 81/08, sono ripartiti nei seguenti quattro gruppi a seconda del rischio di infezione:

a)     agente biologico del gruppo 1: un agente che presenta poche probabilità di causare malattie in soggetti umani;

b)    agente biologico del gruppo 2: un agente che può causare malattie in soggetti umani e costituire un rischio per i lavoratori; è poco probabile che si propaga nella comunità; sono di norma disponibili efficaci misure profilattiche o terapeutiche;

c)     agente biologico del gruppo 3: un agente che può causare malattie gravi in soggetti umani e costituisce un serio rischio per i lavoratori; l’agente biologico può propagarsi nella comunità, ma di norma sono disponibili efficaci misure profilattiche o terapeutiche;

d)    agente biologico del gruppo 4: un agente biologico che può provocare malattie gravi in soggetti umani e costituisce un serio rischio per i lavoratori e può presentare un elevato rischio di propagazione nella comunità; non sono disponibili, di norma, efficaci misure profilattiche o terapeutiche.

Il documento di valutazione dei rischi da esposizione ad agenti biologici è integrato dai seguenti dati:

a)     le fasi del procedimento lavorativo che comportano il rischio di esposizione ad agenti biologici;

b)    il numero dei lavoratori addetti alle fasi di cui alla lettera a);

c)     le generalità del responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi;

d)    i metodi e le procedure lavorative adottate, nonché le misure preventive e protettive applicate;

e)     il programma di emergenza per la protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione ad un agente biologico del gruppo 3 o del gruppo 4, nel caso di un difetto nel contenimento fisico.

Il datore di lavoro che intende esercitare attività che comportano uso di agenti biologici dei gruppi 2 o 3, deve comunicare all’organo di vigilanza territorialmente competente le seguenti informazioni, almeno 30 giorni prima dell’inizio dei lavori, come pure per l’utilizzazione di un agente biologico del gruppo 4.


Documenti da fornire e personale richiesto:

Elenco degli agenti biologici, microrganismo, coltura cellulare utilizzati; personale edotto sulle fasi del procedimento lavorativo che comportano il rischio di esposizione ad agenti biologici, metodi e le procedure lavorative adottate.

Codice: vrbio